Come utilizzare l’elaborazione dinamica: compressori, gate e altro

93
Condividi

Come utilizzare l’elaborazione dinamica: compressori, gate e altro

I segnali audio hanno rapporti di livello del segnale tra picco e medio molto ampi, a volte indicati come gamma dinamica, che è la differenza tra il livello più alto e il livello più debole. Ciò può creare problemi sia negli ambienti dal vivo che in quelli di registrazione durante la messa in scena di guadagno di un segnale perché quando viene applicato un guadagno sufficiente per catturare adeguatamente il livello più debole, un segnale di picco può causare un sovraccarico nella catena audio, con conseguente distorsione del segnale. L’elaborazione dinamica è il processo di alterazione della gamma dinamica di una sorgente audio per renderla più facile da inserire nel mix generale. I tipi comuni di processori dinamici includono:

  • Compressore. Un compressore è un tipo di amplificatore in cui il guadagno dipende dal livello del segnale che lo attraversa. È possibile impostare il livello massimo che un compressore consente di attraversare, provocando così una riduzione automatica del guadagno al di sopra di un livello di segnale predeterminato, noto anche come “soglia”. Punch, volume apparente e presenza sono solo tre dei tanti termini usati per descrivere gli effetti della compressione.
  • Limiter. Simile a un compressore, un limiter è un amplificatore che limita la gamma dinamica superiore di un segnale a una soglia specifica. A differenza di un compressore, che lavora gradualmente per ridurre il segnale, il limiter impedisce praticamente qualsiasi aumento del guadagno all’estremità superiore della gamma dinamica.
  • Espansori. Gli espansori aumentano la gamma dinamica di un segnale dopo che il segnale ha superato una soglia. Esistono due tipi fondamentali di espansione: dinamica e discendente.
  • Noise gate. Un noise gate aiuta a ridurre i suoni indesiderati consentendo di ascoltare il segnale solo dopo che ha superato una certa ampiezza.
Behringer MULTICOM PRO-XL MDX4600 V2 Reference-Class 4 Channel...
16 Recensioni
Behringer MULTICOM PRO-XL MDX4600 V2 Reference-Class 4 Channel...
  • Mixer di zona ultra flessibile e facile da usare con...
  • 6 ingressi Mic / Line a bassissimo rumore con controllo...
  • 2 ingressi stereo selezionabili ad alto margine di...
  • Il canale 1 fornisce una soglia variabile per abilitare...
Samson - S-COM PLUS - Compressore/Limiter/Gate/Expander a Rack - 2 Canali
4 Recensioni
Samson - S-COM PLUS - Compressore/Limiter/Gate/Expander a Rack - 2 Canali
  • Sezione compressore con controllo di threshold, ratio,...

La presentazione di questo prodotto è stata realizzata con il plugin AAWP.

Il problema con la gamma dinamica
La gamma dinamica può essere definita come il rapporto tra il livello audio più alto possibile e il livello più basso possibile. Ad esempio, se un processore afferma che il livello di ingresso massimo prima della distorsione è +24 dBu e il rumore di fondo in uscita è -92 dBu, il processore ha una gamma dinamica totale di 116 dB (24 + 92 = 116 dB).

Alcuni stili musicali sono molto più dinamici di altri. Ad esempio, la gamma dinamica media di un’esecuzione orchestrale può variare in media da -50 dBu a +10 dBu. Ciò equivale a una gamma dinamica di 60 dB. Anche se 60 dB potrebbero non sembrare un’ampia gamma dinamica, fai i conti e scoprirai che +10 dBu è 1.000 volte più forte di -50 dBu!

La musica rock, d’altra parte, ha una gamma dinamica molto più piccola: tipicamente da -10 dBu a +10 dBu, o 20 dB. Questo rende il missaggio dei vari segnali di una performance rock un compito molto più noioso perché le differenze di livello tra gli strumenti sono molto più sottili, quindi il solo uso dei fader per bilanciare il mix non risolverà il problema da solo.

La presentazione di questo prodotto è stata realizzata con il plugin AAWP.

Compressione
I compressori sono comunemente usati per molte applicazioni audio e funzionano abbassando la gamma dinamica più alta di un segnale a una soglia impostata. Una volta che il segnale supera tale soglia, il compressore si attiverà e la ridurrà, di una quantità prestabilita. I compressori consentono inoltre al tecnico di determinare la velocità con cui si attiverà la riduzione del guadagno e quanto lentamente verrà rilasciata.

La compressione riduce la quantità di cui il livello di uscita di un segnale può aumentare rispetto al livello di ingresso. È utile per abbassare la gamma dinamica di uno strumento o di una voce, rendendo più facile evitare distorsioni dell’uscita. Aiuta anche nel processo di missaggio riducendo la quantità di modifiche di livello necessarie per un particolare strumento.

La gravità della riduzione del segnale da parte del compressore è determinata da due parametri: rapporto e soglia. Un rapporto di 2:1 o meno è considerato compressione lieve, riducendo l’uscita di un fattore due per i segnali che superano la soglia di compressione. Rapporti superiori a 10:1 sono considerati hard limiting. Assumendo un livello nominale del segnale di ingresso, quando la soglia di compressione viene abbassata, viene compressa una parte maggiore del segnale di ingresso.

Quindi, come aiuta la compressione?
Prendiamo l’esempio di una performance vocale, che di solito ha un’ampia gamma dinamica. I transienti come di solito sono le parti più rumorose di qualsiasi strumento, ma possono essere molto al di fuori del livello medio del segnale vocale. Ciò significa che il livello cambia continuamente e drammaticamente. Questo problema è aggravato da molti cantanti, che si muovono davanti al microfono durante l’esecuzione, facendo variare il livello di uscita su e giù in modo innaturale.

Una soluzione a questo problema è nota come “riding the fader”. Come indica il nome, ciò significa che l’ingegnere audio tiene costantemente il dito sul fader del canale, monitorando il livello per assicurarsi che non sia mai troppo basso o troppo alto. Sebbene questa soluzione possa funzionare se hai un tecnico audio molto attento che si occupa solo di uno o due canali, non è una buona soluzione in un mix complesso. È qui che entra in gioco un compressore.

Un compressore controlla automaticamente il guadagno senza alterare le sottigliezze della performance, correggendo questo problema riducendo i passaggi più forti abbastanza da essere compatibili con la performance complessiva.

Diciamo che stai mixando una performance rock con una gamma dinamica media di 20 dB (da -10 dBu a +10 dBu). Desideri aggiungere una voce non compressa al mix. La gamma dinamica media di una voce non compressa è di circa 40 dB, da un minimo di -30 dBu fino a un volume di +10 dBu. I passaggi che sono +0 dBu e superiori si sentiranno abbastanza chiaramente nel mix. Tuttavia, i passaggi che sono a -20 dBu e inferiori non verranno mai ascoltati durante il rombo del resto del mix. Un compressore può essere utilizzato in questa situazione per ridurre (comprimere) la gamma dinamica della voce in modo che sia di circa 10 dB (da 0 dBu a +10 dBu). A questa gamma dinamica, gli aspetti più silenziosi della performance sono ancora ben al di sopra del livello più basso del mix e le frasi più forti non sopraffanno il mix, consentendo alla voce di “sedersi nella traccia”.

Gli stessi punti possono essere fatti su qualsiasi strumento nel mix. Ogni strumento ha il suo posto e un buon compressore può aiutare l’ingegnere a creare la miscela complessiva. Ad esempio, una cassa può perdersi in un muro di chitarre elettriche. Non importa quanto il livello venga aumentato, la cassa rimane persa nel “fango”. Un tocco di compressione può rafforzare quel suono di grancassa, permettendogli di penetrare senza alzare il livello. Una chitarra solista può sembrare mascherata dalle chitarre ritmiche. La compressione può far salire il tuo vantaggio sopra la traccia senza spingere il fader attraverso il tetto. Il basso può essere difficile da registrare. Un livello coerente con un buon attacco può essere raggiunto con una compressione adeguata, dando al basso il pugno di cui ha bisogno per guidare il fondo del mix.

Per questo motivo, la maggior parte degli strumenti necessita di una qualche forma di compressione, spesso molto sottile, per essere ascoltata correttamente in un mix. Naturalmente, se uno strumento si adatta perfettamente a un mix senza compressione, non comprimetelo. Ma la maggior parte delle volte ne avrai bisogno.

Sovracompressione: quando troppo è semplicemente troppo
Un compressore ben progettato e regolato correttamente non dovrebbe essere udibile, a meno che, ovviamente, non sia fatto intenzionalmente per ottenere l’effetto, ma questo è un altro articolo.

Troppa compressione può distruggere la risposta acustica dinamica di una performance. Inoltre, alcune persone usano molta compressione per rendere il loro mix il più forte possibile, emulando ciò che sentono alla radio, ma i migliori professionisti di solito ottengono quell’effetto con un’attenta compressione durante il mastering, non durante il monitoraggio e il missaggio.

Se usi molta compressione nelle tue tracce e nel mix, potresti ridurre la gamma dinamica al punto da non aver lasciato abbastanza flessibilità all’ingegnere del mastering. Quindi usa la compressione spesso ma non esagerare a meno che tu non lo stia facendo come effetto. Vuoi ancora che il tuo mix “respiri”. Se sembra che salga fino a un livello e rimanga lì senza muoversi, probabilmente hai schiacciato troppo i tuoi segnali.

Concatenare il compressore
Il sidechain di un compressore consente di ridurre il livello di una sorgente di ingresso per fare spazio a un’altra. Ciò è particolarmente utile nelle trasmissioni in diretta o nelle applicazioni in cui musica e commenti si svolgono contemporaneamente. Nelle applicazioni di registrazione, questo viene generalmente ottenuto con un’attenta automazione del livello. Il sidechaining del compressore consente di ottenere un risultato simile senza dover utilizzare i fader. Per questo motivo, sia i mixer StudioLive® Series III che Studio One® forniscono il sidechain.

Presonus Studio One 5 Professional

Di seguito sono riportati due degli usi più comuni:

  • Dialogo sfuggente. Questa è probabilmente l’applicazione di sidechaining del compressore più nota. Considera una situazione comune della Casa di culto in cui il pastore conduce una meditazione mentre viene suonato il pianoforte o la musica preregistrata. Applicare un compressore sulla traccia musicale stereo con una soglia abbastanza bassa, un rapporto elevato, un attacco veloce e un tempo di rilascio lungo, utilizzando il canale del microfono del pastore come sorgente chiave per il compressore. Ora il compressore reagirà alle fluttuazioni di livello del microfono del pastore, consentendo alla musica di salire e scendere naturalmente in contrappunto al modello del parlato.
  • Tirare fuori la grancassa. In alcuni casi, una linea di basso synth o una parte di basso occupata interferisce con la presenza della cassa e il punch nel mix. Per questa applicazione, applicherai un compressore al canale dei bassi, utilizzando il canale della grancassa come sorgente chiave, consentendo alla tua grancassa di perforare la linea del basso.

Componenti del compressore

  • Attacco. Imposta la velocità alla quale il compressore agisce sul segnale di ingresso. Un tempo di attacco lento consente al componente iniziale di un segnale (comunemente denominato transitorio iniziale) di passare, non compresso, mentre un tempo di attacco veloce attiva la compressione immediatamente quando un segnale supera la soglia.
  • Modalità automatica. Corregge i tempi di attacco e rilascio su una curva preprogrammata. Ogni mixer digitale StudioLive offre questa funzionalità, che aiuta a semplificare la compressione sia per i principianti che per gli utenti professionisti esasperati.
  • Rapporto di compressione. Il rapporto imposta la pendenza di compressione, che è una funzione del livello di uscita rispetto al livello di ingresso. Ad esempio, se il rapporto è impostato su 2:1, qualsiasi livello di segnale al di sopra dell’impostazione della soglia verrà compresso con un rapporto di 2:1. Ciò significa che per ogni 2 dB di aumento di livello sopra la soglia, l’uscita del compressore aumenterà solo di 1 dB.
  • Hard/soft knee. Con la compressione hard-knee, la riduzione del guadagno applicata al segnale si verifica non appena il segnale supera il livello impostato dalla soglia. Con la compressione soft-knee, l’inizio della riduzione del guadagno avviene gradualmente dopo che il segnale ha superato la soglia, producendo una risposta più musicale (per alcune persone).
  • Compressione anticipata . Alcuni compressori digitali possono analizzare ciò che sta per elaborare (“guardare avanti”) e possono posizionare il tempo di attacco proprio all’inizio o anche prima del suono, risultando in un tempo di attacco pari a zero. Questo è ottimo per catturare i transitori indesiderati, ma deve essere usato con cura per non rimuovere i transitori desiderabili, come l’attacco di un rullante. A causa della quantità di potenza di elaborazione necessaria per questa analisi, i compressori look-ahead si trovano più comunemente come plug-in come PreSonus Channel Strip, Compressor, Multiband Dynamics e Tricomp per Studio One .
  • Controllo del guadagno. Quando si comprime un segnale, la riduzione del guadagno di solito si traduce in un’attenuazione complessiva del livello. Il controllo del guadagno consente di ripristinare questa perdita di livello e di regolare nuovamente il volume al livello di precompressione (se lo si desidera).
  • Rilascio. Imposta il tempo impiegato dal compressore per riportare la riduzione del guadagno a zero (nessuna riduzione del guadagno) dopo aver superato la soglia di compressione. Tempi di rilascio molto brevi possono produrre un suono instabile o “tremolante”, specialmente quando si comprimono strumenti che hanno molti componenti a bassa frequenza, come un basso. Tempi di rilascio molto lunghi possono risultare in un suono sovracompresso o “schiacciato”. Tuttavia, tutte le gamme di rilascio possono essere utili e dovresti sperimentare per familiarizzare con diverse possibilità sonore
  • Soglia. Quando l’ampiezza (livello) del segnale supera la soglia impostata, il compressore si attiva. Quando la soglia viene abbassata, la compressione inizia a un’ampiezza inferiore (volume) e limita ulteriormente la gamma dinamica del segnale.

La presentazione di questo prodotto è stata realizzata con il plugin AAWP.

Impostazioni di compressione: punti di partenza

Di seguito sono riportati i preset di compressione utilizzati comunemente. Li abbiamo inclusi come punto di partenza per iniziare.

Voce

Morbido. Questa è una compressione facile con un’impostazione di rapporto basso per le ballate, consentendo una gamma dinamica più ampia. Va bene per l’uso dal vivo. Questa impostazione aiuta la voce a “sedersi nella traccia”.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-8,2dB 1.8:1 0,002 ms 38 ms

Medio. Questa impostazione ha più limiti rispetto all’impostazione di compressione Soft, producendo una gamma dinamica più ristretta. Sposta la voce più in primo piano nel mix.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-3,3dB 2.8:1 0,002 ms 38 ms

Urlatore. Questa impostazione è per voci ad alto volume. È un’impostazione di compressione abbastanza difficile per un cantante che è molto acceso e spento dal microfono. Ti mette la voce “in faccia”.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-1,1dB 3.8:1 0,002 ms 38 ms

Percussione

Rullante/cassa. Questa impostazione consente il passaggio del primo transitorio e comprime il resto del segnale, dando un forte “scatto” in avanti e un rilascio più lungo.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-2,1dB 3.5:1 78 ms 300 ms

Overhead sinistro/destro (stereo). Il rapporto e la soglia bassi in questa impostazione danno un contorno “grasso” per uniformare il suono dai microfoni sopra la batteria. La fascia bassa è aumentata e il suono generale è più presente e meno ambientale. Ottieni più “boom” e meno “spazio”.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-13,7dB 1.3:1 27 ms 128 ms

Strumenti a corda

Basso elettrico. L’attacco veloce e il rilascio lento in questa impostazione rafforzeranno il basso elettrico e ti daranno il controllo per un livello più coerente.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-4,4dB 2.6:1 45,7 ms 189 ms

Chitarra acustica. Questa impostazione accentua l’attacco della chitarra acustica e aiuta a mantenere un livello del segnale uniforme, evitando che la chitarra acustica scompaia nella traccia.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-6,3dB 3.4:1 1471 ms 400 ms

Chitarra elettrica. Questa è un’impostazione per la chitarra ritmica elettrica “crunch”. Un attacco lento aiuta a portare la chitarra ritmica elettrica “da vicino e personale” e dà pugno al tuo crunch

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-0,1dB 2.4:1 26 ms 1471 ms

Tastiere

Pianoforte. Questa è un’impostazione speciale per un livello uniforme su tutta la tastiera. È progettato per aiutare a livellare la parte superiore e inferiore di un pianoforte acustico. In altre parole, aiuta la mano sinistra ad essere ascoltata insieme alla mano destra.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-10,8dB 1.9:1 108 ms 112 ms

sintetizzatore. L’attacco e il rilascio rapidi di questa impostazione possono essere utilizzati per le pugnalate a tromba di un sintetizzatore o per le linee di basso suonate su un sintetizzatore.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-11,9 dB 1.8:1 0,002 ms 85 ms

Orchestrale. Utilizzare questa impostazione per pad archi e altri tipi di parti di orchestra sintetizzate. Diminuirà la gamma dinamica complessiva per un posizionamento più facile nel mix.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
3,3dB 2.5:1 1,8 ms 50 ms

Stereo Mix

Limitatore stereo. Proprio come suggerisce il nome, questa è un’impostazione hard limiter, o “muro di mattoni”, ideale per controllare il livello di un deck di missaggio a due tracce o di un’uscita stereo.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
5,5dB 7.1:1 0,001 ms 98 ms

Contorno. Questa impostazione ingrassa il mix principale.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-13,4dB 1.2:1 0,002 ms 182 ms

Effetti

Squeeze. Questa è la compressione dinamica per il lavoro da solista, in particolare la chitarra elettrica. Ti dà quel suono vitreo “Tele/Strat”. È un vero classico.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
-4,6dB 2.4:1 7,2 ms 471 ms

Pompa. Questa è un’impostazione per rendere la “pompa” del compressore in un modo desiderabile. Questo effetto è utile per i rullanti per aumentare la lunghezza del transitorio alzando il segnale dopo il picco iniziale.

Soglia Rapporto attacco Rilascio
0 dB 1.9:1 1 ms 0,001 ms

 

Limitatori
Al livello più semplice, un limiter è un compressore impostato per impedire qualsiasi aumento del livello di un segnale al di sopra della soglia. Ad esempio, se hai la manopola di soglia impostata su 0 dB e il rapporto ruotato completamente in senso orario, il compressore diventa un limitatore a 0 dB, in modo che il segnale di uscita non possa superare 0 dB indipendentemente dal livello del segnale di ingresso. Tipicamente, i rapporti di compressione di 10:1 sono considerati limitanti.

Plugin limiter di WAVES usato in Studio One 5

Un vero limitatore di picco analogico non è solo un compressore con un rapporto elevato. Il circuito di rilevamento di un compressore è solitamente progettato per rilevare livelli RMS o medi, quindi i picchi transitori di solito superano il livello di soglia di un compressore. Un vero limitatore di picco impiega un circuito rivelatore che risponde ai livelli di energia di picco e quindi reagisce più velocemente.

Noise gates
Il noise gating è il processo di rimozione dei suoni indesiderati da un segnale attenuando tutti i segnali al di sotto di una determinata soglia. Come descritto, il gate funziona indipendentemente dal segnale audio dopo essere stato “attivato” dal segnale che supera la soglia del gate. Il cancello rimarrà aperto finché il segnale sarà al di sopra della soglia. La velocità con cui il cancello si apre per far passare il segnale “buono” è determinata dal tempo di attacco. Per quanto tempo il cancello rimane aperto dopo che il segnale è sceso sotto la soglia è determinato dal tempo di attesa. La velocità di chiusura del cancello è determinata dal rilascio. Quanto il gate attenua il segnale indesiderato mentre è chiuso è determinato dall’intervallo.

il plugin gate di Studio One 5

I noise gate sono stati originariamente progettati per aiutare a eliminare il rumore estraneo e gli artefatti indesiderati da una registrazione, come sibili, rimbombi o transitori da altri strumenti nella stanza. Poiché il sibilo e il rumore non sono così forti come lo strumento che viene registrato, un gate impostato correttamente consentirà solo il passaggio del suono previsto; il volume di tutto il resto è abbassato. Non solo questo eliminerà gli artefatti indesiderati, ma aggiungerà anche definizione e chiarezza al suono desiderato. Questa è un’applicazione molto popolare per i noise gate, in particolare con gli strumenti a percussione, poiché aggiungerà punch o “stringerà” il suono percussivo e lo renderà più pronunciato.

Si consideri l’esempio vocale compresso che abbiamo fornito in precedenza; ora hai una gamma dinamica di 20 dB per il canale vocale. I problemi sorgono quando il rumore o gli strumenti (condizionatore d’aria, batterista ad alto volume, ecc.) sullo sfondo del microfono vocale diventano più udibili dopo che l’estremità inferiore della gamma dinamica è stata aumentata. Potresti tentare di silenziare la voce tra le frasi nel tentativo di rimuovere i suoni indesiderati; tuttavia, questo probabilmente finirebbe in modo disastroso. Un metodo migliore è utilizzare un noise gate. La soglia del noise gate potrebbe essere impostata nella parte inferiore della gamma dinamica della voce, diciamo -10 dBu, in modo tale che il gate escludesse i segnali indesiderati tra le frasi.

I noise gate sono anche comunemente usati sulle batterie. Se hai mai mixato il suono dal vivo, conosci i problemi che i piatti possono creare sanguinando attraverso i microfoni del tom. Non appena aggiungi alcuni alti per ottenere un po’ di scatto dal tom, i piatti si infrangono, mandando i driver delle trombe sui tuoi altoparlanti in una piccola orbita. Portare quei microfoni tom in modo che i piatti non risuonino più attraverso di essi ti darà un’enorme spinta nel ripulire il mix generale.

Sidechaining e Key Filtering con un Gate (cancello)
Alcuni Noise Gate, come quelli dei mixer digitali StudioLive , consentono di impostare la frequenza di apertura del gate. L’impostazione di una frequenza specifica, oltre a un livello di decibel specifico, fornisce una maggiore modellazione sonora. Un filtro chiave correttamente impostato su un gate può migliorare notevolmente la qualità generale del suono di un mix.

PreSonus StudioLive 16.0.2 USB

Ad esempio, se stai inserendo un gate su un microfono per rullante, potresti ottenere abbastanza spurgo dalla cassa per aprire il cancello. È qui che può tornare utile un filtro chiave. Impostando il filtro chiave sulla frequenza di risonanza del rullante, è possibile impostare il gate in modo che si apra solo quando viene colpito il rullante. Questo filtrerà tutto il rumore estraneo e darà al tuo rullante più presenza per perforare il mix con più impatto.

Il key filter sui mixer StudioLive fornisce un ulteriore controllo consentendo di attivarlo dal canale selezionato o dal segnale del bus o collegandolo a un altro canale e utilizzando il suo segnale come sorgente. Ciò ti consente di selezionare un canale diverso come sorgente di trigger per il filtro chiave del tuo StudioLive Gate. Il sidechaining ha molti usi, due dei più comuni sono:

  • Rafforzare una sezione ritmica . È possibile utilizzare un filtro chiave a catena laterale per rafforzare una sezione ritmica collegando il canale della cassa al canale dei bassi e impostando il cancello in modo che si apra alla frequenza della cassa. Questo, combinato con un attacco e un rilascio veloci, renderà la tua sezione ritmica più coesa. Aumenta il tempo di rilascio per allentare la sensazione. Tieni presente che mentre il sidechain della grancassa al canale del basso può rafforzare una buona sezione ritmica e farla suonare ancora meglio, non correggerà i problemi di temporizzazione e in realtà li esagererà se il tuo bassista e il batterista non sono in tasca .
  • Effetto ritmico. Un altro grande utilizzo di un sidechain è come effetto nella produzione di EDM. Prova a collegare un loop di batteria a una sorgente sostenuta, come pad o archi. In questo modo, ogni volta che un colpo di batteria attiva il filtro chiave, verrà ascoltata la tua sorgente sostenuta. Tra un colpo e l’altro, questa fonte verrà silenziata. Giocare con l’attacco e il rilascio trasformerà questo effetto da un impulso ritmico fino a una balbuzie sminuzzata.

Componenti Noise Gate

  • Attacco. Il tempo di attacco del cancello imposta la velocità con cui il cancello si apre. Una velocità di attacco veloce è fondamentale per gli strumenti a percussione, mentre segnali come voce e basso richiedono un attacco più lento. Un attacco troppo veloce può, su questi segnali a crescita lenta, causare un artefatto nel segnale, che si sente come un clic. Tutti i cancelli hanno la possibilità di fare clic all’apertura, ma un cancello impostato correttamente non farà mai clic.
  • Hold Il tempo di attesa viene utilizzato per mantenere il gate aperto per un periodo fisso dopo che il segnale è sceso al di sotto della soglia del gate. Questo può essere molto utile per effetti come il rullante con cancello, in cui il cancello rimane aperto dopo che il rullante è stato colpito per la durata del tempo di attesa, quindi si chiude bruscamente.
  • Key filter. Il Key Filter è un filtro a frequenza variabile che consente di rimuovere le frequenze problematiche dal segnale di trigger del gate. Diciamo che vuoi bloccare il rullante in modo che il cancello si apra ogni volta che il batterista colpisce il rullante, lasciando passare il rullante, e poi si richiuda. Questo può essere usato come effetto o semplicemente in modo che il rumore che fuoriesce dal microfono del rullante non confondi il suono generale. Per aprire il gate, usi una copia del segnale dry dal microfono del rullante per attivare il gate, consentendo al suono del rullante di passare. Il problema è che altri strumenti, in particolare i piatti, spesso perdono nel microfono del rullante e potrebbero attivare accidentalmente il gate. Il filtro chiave consente di filtrare le alte frequenze nei piatti in modo che rimanga solo il segnale del rullante per attivare il gate.
  • Key listen. Key Listen ti consente di ascoltare il segnale di trigger del gate in modo da poter regolare il controllo della frequenza del filtro chiave fino a quando le frequenze problematiche non vengono eliminate.
  • Gamma. L’intervallo del gate è la quantità di riduzione del guadagno prodotta dal gate. Pertanto, se l’intervallo è impostato a 0 dB, non ci sarà alcun cambiamento nel segnale quando supera la soglia. Se l’intervallo è impostato su -60 dB, il segnale verrà limitato (ridotto) di 60 dB.
  • Rilascio. Il tempo di sblocco del cancello determina la velocità con cui il cancello si chiude. I tempi di rilascio in genere dovrebbero essere impostati in modo che il decadimento naturale dello strumento o della voce sottoposta a gating non sia influenzato. Tempi di rilascio più brevi aiutano a ripulire il rumore in un segnale, ma possono causare “chiacchiere” negli strumenti a percussione. Tempi di rilascio più lunghi di solito eliminano il “chattering” e dovrebbero essere impostati ascoltando attentamente per il rilascio più naturale del segnale.
  • Soglia. La soglia del gate imposta il livello al quale il cancello si apre. In sostanza, tutti i segnali al di sopra dell’impostazione della soglia vengono trasmessi inalterati, mentre i segnali al di sotto dell’impostazione della soglia vengono ridotti di livello della quantità impostata dal controllo della gamma. Se la soglia è impostata completamente in senso antiorario, il cancello viene spento (sempre aperto), consentendo il passaggio di tutti i segnali inalterati.

Espansori
La principale differenza tra espansione e noise gating è che l’espansione dipende dal livello del segnale dopo che il livello ha superato la soglia, mentre un vero noise gate funziona indipendentemente dal livello di segnale oltre la soglia.

Il plugin Expander di Studio One 5

In pratica, expander e noise gate vengono utilizzati in modo quasi identico. La differenza principale è che un expander è più fluido e graduale, quindi è più facile impostare correttamente i tempi di attacco e rilascio.

Gli espansori possono essere suddivisi in due categorie: Dinamici e Verso il basso.

  • Espansione verso il basso. L’espansione verso il basso è l’espansione più comune utilizzata nel suono dal vivo e nella registrazione. A differenza della compressione, che diminuisce il livello di un segnale dopo che è salito al di sopra della soglia di compressione, l’espansione riduce il livello di un segnale dopo che il segnale è sceso al di sotto della soglia di espansione. L’entità della riduzione del livello è determinata dal rapporto di espansione. Ad esempio, un rapporto di espansione 2:1 riduce il livello di un segnale di un fattore due. (ad esempio, se un livello scende di 5 dB al di sotto della soglia di espansione, l’espansore lo ridurrà a 10 dB al di sotto della soglia.)

Comunemente utilizzata per la riduzione del rumore, l’espansione è molto efficace come semplice noise gate. La principale differenza tra espansione e noise gating è che l’espansione dipende dal livello del segnale dopo che il livello ha superato la soglia, mentre un vero noise gate funziona indipendentemente dal livello di segnale oltre la soglia.

Questo tipo di espansione riduce il livello di un segnale quando il segnale scende al di sotto di un livello di soglia impostato. Questo è più comunemente usato per la riduzione del rumore.

  • Espansione dinamica. Questo è fondamentalmente l’opposto della compressione. In effetti, le emittenti utilizzano l’espansione dinamica per “annullare” la compressione prima di trasmettere il segnale audio. Questo è comunemente indicato come compressione o COMPRESSIONE seguita da espansione.

Componenti di espansione
Poiché un expander è molto simile a un noise gate, scoprirai che ha la maggior parte, se non tutti gli stessi controlli, che funzionano più o meno allo stesso modo di un noise gate. L’eccezione è il controllo Range, questo è un controllo che troverai solo su un Noise Gate.

Rapporto di espansione. Il rapporto di espansione imposta la quantità di riduzione applicata a un segnale una volta che il segnale è sceso al di sotto della soglia di espansione. Ad esempio, un rapporto di espansione 2:1 attenua un segnale di 2 dB per ogni 1 dB che scende al di sotto della soglia. Rapporti di 4:1 e superiori agiscono in modo molto simile a un noise gate, ma senza la possibilità di personalizzare i tempi di attacco, attesa e rilascio.

Articolo tratto dal sito presonus

Rapidgator.net